Stabilizzarsi nella verità

Andrew Cohen

Andrew Cohen nella sua intervista “Meeting with Remarkable People” ha parlato del problema di stabilizzare o incarnare la nuova realtà una volta che è avvenuta una forte apertura energetica.Quanto facilmente le strutture dell’ego possono chiudere le cose e quindi la necessità di lavorare su forti schemi mentali interni.

Ho notato che molte persone stavano avendo la stessa esperienza che ho avuto io con Papaji. Solo che il risultato finale non era lo stesso, perché io mi ero stabilizzato dall’altra parte e la maggior parte dei miei studenti non si stabilizzava.
       Avevano queste profonde esperienze di illuminazione in cui si accendevano come il fuoco e bruciavano per tre settimane, ma potevo vedere dopo averli conosciuti che agivano ancora spinti dall’ego. C’era ancora orgoglio, c’era ancora un comportamento inconscio. Mi sono chiesto perché non sapevano fare di meglio. Ad un certo punto ho capito che ognuno deve fare il proprio lavoro.

Per molto tempo ho cercato di non dare a nessuno nessuna pratica spirituale, perché Papaji diceva che tu sei sempre già lì, questo è il tuo stato naturale; la coscienza è già perfettamente libera.
         Diceva che se pensi di aver bisogno di fare qualcosa nel tempo per andare oltre il tempo, è un concetto controproducente perché se sei già libero non c’è nessun posto dove andare e non c’è niente da fare. Devi solo arrenderti a quella Verità incondizionatamente in questo momento.

Stavo insegnando questo, ma mi sono reso conto che anche se la maggior parte delle persone potevano ottenerlo in un secondo – come faceva un sacco di gente intorno a lui – non riuscivano a resistere; non potevano rimanerci. A un certo punto mi sono arreso e ho iniziato a insegnare alle persone alla vecchia maniera.
         Li introducevo alla loro natura illuminata, come lui introduceva me alla mia natura illuminata – ma dicevo loro che avrebbero dovuto lavorare per sostenerla. Così la gente ha iniziato a praticare la meditazione e il canto e tutti i tipi di pratiche spirituali che abbiamo intrapreso.

Poiché intorno a me si stava formando una comunità, abbiamo imparato a conoscerci tutti molto bene. Tutti hanno iniziato a vedere il loro ego – a vedere i momenti in cui le persone sono libere e chiare, quando sono perse nell’orgoglio, nell’ego, nella paura e nella rabbia.
         Così hanno iniziato a vedere i loro errori, le loro ombre, e hanno capito che bisogna fare pratica spirituale. Dovete praticare una meditazione più profonda, praticare l’essere più consapevoli, praticare la trasparenza.

Così abbiamo iniziato a lavorare sulla trascendenza dell’ego non solo come uno stato di coscienza in cui il Maestro ci dava l’esperienza diretta del nostro stato naturale oltre l’ego. Mi resi conto che questo non era sufficiente per la maggior parte delle persone. Dovevano imparare a tenere il loro ego sotto controllo attraverso la pratica della consapevolezza, dell’intenzione, della forza di volontà superiore, spiritualmente ispirata. Abbiamo iniziato a lavorare su tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Satsang Contact : Indira

If you would like to have more information and take part in a retreat or weekend, I am here for you. Please contact me

Whatsapp: +49 1782890814

Email: office@johndavidsatsang.international