Il desiderio di ricchezza materiale

Gran parte della vita si è concentrata esclusivamente sulla ricchezza materiale. Il denaro è diventato il punto focale in tutto il mondo, e attraverso questo punto focale il pianeta stesso è minacciato dalle conseguenze ecologiche. Eppure il razionalismo economico della società è sempre al primo posto. Le esigenze del pianeta in termini di popolazione e di equilibrio ecologico vengono sempre al secondo posto, anche se negli ultimi tre o quattro decenni c’è stata una sempre maggiore consapevolezza dei danni ecologici.

Per quanto posso vedere, tutta questa ricerca di soldi, beni e sopravvivenza nasce da due idee di base: vogliamo essere felici, e pensiamo di essere un corpo che ha bisogno di sopravvivere. Tutti vogliamo la felicità, ma pensiamo di poterla ottenere da una buona bottiglia di birra, da un bicchiere di vino, da un nuovo partner, dalla nostra anima gemella o da un po’ più di soldi.

Queste cose ci rendono davvero felici? Forse per un breve periodo c’è il piacere di ottenere qualcosa di materialistico: “Oh, che bella vacanza! Sono sicuramente un po’ più felice”. Sperare che qualcosa all’esterno ci renda felici è un gancio che noi esseri umani abbiamo inventato per noi stessi, tenendoci sempre dipendenti da nuovi desideri.

Ma semplicemente non è possibile che la vera felicità venga dall’esterno. Pensate a quanto è bello. Significa che la puoi trovare proprio ora perché ce l’hai già. Se ti fermassi, la troveresti. È proprio lì, ad aspettarti, e tutti gli sforzi per trovarla altrove ti portano più lontano.

Il denaro nella sua essenza va bene; è uno strumento che l’umanità ha inventato, ma è diventato un’ossessione per questa paura di non sopravvivere. Il fatto è che non sopravviveremo tutti. Se ti vedi solo come il corpo, non sopravviverai. Se ti vedi come l’eterno Sé, allora sei qui eternamente, per sempre. Il Sé eterno è un fenomeno che non cambia mai, assolutamente costante.

Questa parte essenziale della nostra natura non è assolutamente toccata da questioni di sopravvivenza. Se entriamo in una profonda comprensione del Sé eterno, allora la morte e la nascita non esistono. Nella presenza, nella coscienza, non c’è nessun posto dove andare e niente da acquisire.

Siamo la felicità stessa, e non costa nulla. È tutto completamente dato. L’esistenza si prende sempre cura di noi, anche se la nostra comprensione è: “Devo fare la mia vita, e se non la faccio non funzionerà”. Può non funzionare come avevamo pianificato o come speravamo, ma l’importante è essere presenti per la propria vita, la vita che sta realmente accadendo.

Siamo così abituati ad avere il controllo, o a voler avere il controllo delle nostre relazioni, del nostro lavoro, del nostro reddito, di tutta la nostra vita. È un’abitudine, è tutto ciò che sappiamo. Il controllore è il falso sé, il “qualcuno”. Quando si dice “no” a questo falso sé, si può sentire l’energia della contrazione nel proprio corpo. Dire ‘sì’, senza voler cambiare nulla, è arrendersi alla vita così com’è. Si può sentire l’espansione nel proprio corpo. Il “sì” permette di dissolversi nella vita, in ciò che è.

Questo tipo di accettazione è molto minaccioso perché porta alla decostruzione dell’ego. Il modo più veloce per rinunciarvi è dire “sì, sì, sì”, anche in situazioni in cui si vorrebbe dire “no” – in particolare in situazioni in cui si vorrebbe dire “no”. Questo è estremamente difficile perché si arriva sempre a un punto in cui non si può dire “sì”.

Queste sfide si presentano ogni giorno. La maggior parte di esse sono piuttosto piccole, ma se si prende l’abitudine e il flusso di dire “sì”, si comincia a vivere in un’accettazione di ciò che è, non importa quale sia la situazione. Il “sì” è come una leggerezza o un’espansione nel corpo. Questo ti porterà alla felicità che ti aspetta dentro di te.

La felicità naturale è in realtà ciò che siamo. È la stessa natura del canto degli uccelli. Quando i bambini piccoli giocano insieme si sentono felici quando costruiscono i loro castelli di sabbia sulla spiaggia e si sentono anche felici quando le onde arrivano e li distruggono con l’arrivo della marea. Non è davvero complicato. Questa gioia è naturale, dobbiamo solo entrare in contatto con essa. L’unica cosa che impedisce questo contatto è tutto il condizionamento nella nostra mente che ci dice che la vita dovrebbe essere in un certo modo. 

Nel mondo della dualità, che significa il gioco del due, la felicità e l’infelicità sono assolutamente connesse, ma si può uscire da quel gioco e poi non c’è più alcun dubbio. In realtà non c’è più nemmeno la vera felicità. C’è un profondo e continuo senso di nutrimento o di benessere, e quel fondamento non è influenzato dalla felicità o dall’infelicità. Non ci si sente meglio se si è felici o peggio se si è infelici. Questa fondazione accetta tutto. È la vostra natura, ed è molto ordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Satsang Contact : Indira

If you would like to have more information and take part in a retreat or weekend, I am here for you. Please contact me

Whatsapp: +49 1782890814

Email: office@johndavidsatsang.international