Chi è il Maestro Spirituale?

Nei tempi antichi e ancora oggi nell’India moderna, una particolare tradizione spirituale viene tramandata da un insegnante a uno studente e a sua volta al suo allievo. Quindi c’è un senso di lignaggio e nessuno si assume alcuna pretesa personale su quel lignaggio. La verità è importante, non l’insegnante. La realtà è che non è possibile essere un insegnante perché non c’è nessun insegnamento. Quindi non c’è uno studente.

Il ruolo di un insegnante spirituale e quello di un insegnante regolare sono molto diversi. L’insegnante regolare di solito insegna allo studente qualcosa che non conosceva prima – una tecnica o una lingua. Al contrario, l’insegnante spirituale indica una verità spirituale che è sempre presente nello studente.  

Personalmente mi piace offrirmi come amico, ma in India la parola guru spiega molto bene questa situazione. Guru significa colui che rivela la luce nell’oscurità – se volete, il portatore di luce.

In questo modo si può dire che sono un guru. Perché tutto il mio sforzo è quello di portare la luce e questo è il ruolo tradizionale di un guru. Ma in Occidente questa parola guru ha un significato un po’ strano e non mi associo a questo significato. Allo stesso tempo, guru è una parola molto importante. 

In Occidente ci piace fare tutto da soli. Diciamo: “La vita è la mia maestra”, e non vediamo che anche il guru fa parte della vita. Ha un ruolo particolare, che non si può svolgere da soli. 

La prima cosa che fa un guru è aprire il tuo cuore facendoti rivolgere verso l’interno. E naturalmente se potessi farlo tu stesso, lo avresti fatto. Se il tuo cuore non è aperto, allora devi avere bisogno di aiuto. Se il tuo cuore non è aperto non permetterai a nessuno di toccare il tuo ego.

Nessuno vuole che il proprio ego venga toccato. Tutti amano il proprio ego. Tutti si identificano perché pensano di essere il loro ego. Quindi sono due lavori molto importanti per il guru. La cosa successiva è che quando diventi tu stesso la verità, hai bisogno di qualcuno che te lo confermi, perché questa è poco familiare. 

Non hai mai conosciuto o riconosciuto la verità e ora improvvisamente la conosci e hai bisogno di qualcuno che ti confermi che questa è la verità. Quindi questa è anche una funzione molto importante per il guru. 

Poi il prossimo lavoro per il guru – vedete, è un tipo piuttosto impegnato – è dopo il risveglio, perché dopo il risveglio ci sentiamo molto vulnerabili. È come rinascere e quindi è molto utile essere in presenza di qualcuno che sa, perché potrebbero venire molti dubbi e ci sono molte influenze che possono portarci via dalla verità. 

Nel mio caso, ho passato quindici anni con Osho e quando l’ho incontrato non stavo cercando un guru. Ho fatto un lungo viaggio con lui e poi ha lasciato il suo corpo e il mio lavoro non era completo. Non stavo cercando un altro guru, ma l’esistenza mi ha preso e mi ha portato da un altro guru, Papaji. 

Poi dopo tre settimane ho capito la verità e sono rimasto quasi cinque anni con Papaji. In quei cinque anni non ho mai avuto una domanda. Ma questi cinque anni sono stati un periodo molto importante. Qualcun altro poteva andarsene subito e rimanere da solo da qualche parte, ma per me è stato meraviglioso stare cinque anni con Papaji.

Mi ha dato il potere e la conoscenza a mia volta per portare luce a coloro che passano il tempo con me. Dopo aver condiviso per più di vent’anni ho intorno a me qualcuno che può trasmettere la luce. In questo modo la luce viene trasmessa di generazione in generazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Satsang Contact : Indira

If you would like to have more information and take part in a retreat or weekend, I am here for you. Please contact me

Whatsapp: +49 1782890814

Email: office@johndavidsatsang.international