Celibato e relazioni

Un ricercatore spirituale e il celibato

Per realizzare la Verità ultima dovete liberarvi delle relazioni, dovete liberarvi degli attaccamenti mondani. Se pensate che possiamo realizzare la nostra Vera Natura vivendo nel mondo e godendo di questo mondo, di tutti i piaceri di questo mondo, è come sedersi su un coccodrillo e cercare di attraversare il fiume. Perché il coccodrillo ti ucciderà.

Thuli Baba

È abbastanza chiaro che per quasi tutti questa questione dell’intimità con un altro essere umano è una struttura forte, una questione forte. Nelle tradizioni orientali del buddismo e dell’induismo c’è una profonda concezione che se si vuole seriamente diventare un ricercatore spirituale si diventa celibi e si rimane soli.
         Quando vado in India per il ritiro di gennaio ogni anno visitiamo spesso due ashram: uno è quello di Thuli Baba e l’altro è quello di Swami Dayananda. Nell’ashram di Swami Dayananda insegnano il Vedanta e adottano completamente questa tradizione. È del tutto accettato che uomini e donne siano separati. Nell’ashram di Thuli Baba, che è piuttosto piccolo rispetto a quello di Swami Dayananda, ci sono circa dodici uomini e tre donne, un piccolo gruppo di persone. Anche lui rende la sua posizione assolutamente chiara – gli uomini e le donne sono completamente separati. Il gruppo principale di persone nel suo ashram sono giovani uomini che sono chiamati brahmacharyas, cioè hanno preso la decisione di essere celibi.
      Ho chiesto a Thuli Baba di questo, facendo notare che nei paesi occidentali è piuttosto comune avere una relazione, e che noi non abbiamo nessuna tradizione per decidere il celibato. La sua risposta è stata che il destino karmico richiede che alcune persone vivano come capifamiglia – essendo in relazione, lavorando per crescere una famiglia. Poi, quando i figli sono cresciuti e la famiglia è stata mantenuta, c’è un ritiro dall’intimità e una concentrazione sulla vita spirituale. Potresti anche lasciare la famiglia e andare avanti per la tua strada come ricercatore spirituale. Per Thuli Baba questo è assolutamente essenziale.
        Questo è naturalmente abbastanza difficile da affrontare per le persone occidentali, dato che non abbiamo una cultura che supporta il celibato. In realtà è il contrario. Siamo cresciuti con un forte condizionamento ad essere in coppia, ad essere una coppia sposata. Nel corso degli anni della nostra comunità questo è sempre stato un problema. Che tipo di consiglio potrei dare? A poco a poco in questi anni, dopo molte riflessioni, mi sembra sempre che si tratti di caso in caso.
        Allo stesso tempo mi è diventato chiaro che le persone che si uniscono alla nostra comunità si uniscono ad un esperimento di vita cosciente, probabilmente per un tempo limitato, perché vogliono risvegliarsi, diventare liberi e vivere in questa libertà. Allora il miglior consiglio che posso dare loro è di stare in piedi da soli, e da questa posizione di relazionarsi il più spontaneamente possibile e il più intimamente possibile con gli altri residenti.
      Non sono contro il matrimonio, contro le relazioni e la famiglia e così via, piuttosto sono per il risveglio. Questa è una cosa che pochissime persone sceglieranno nella loro vita. Quindi per queste poche persone il mio consiglio è di essere intimi – non sono contro la sessualità – ma di stare fuori da una storia d’amore fissa.
      Questo consiglio è per lo più ignorato perché in realtà è molto difficile per la gente occidentale. Il nostro condizionamento intorno all’intimità e alla relazione è molto, molto forte, in parte perché abbiamo idee strane sull’amore. Nella nostra cultura l’amore è qualcosa che viene dall’altro.
      Lui mi ama. Lei mi ama. Io ti amo. Tu mi ami. Saremo salvati! Non funziona così. Questo amore è in realtà qualcosa che è dentro di noi, e quindi aspettarselo da qualche parte o da qualcun altro porta a tremende incomprensioni. Per quanto io possa parlare di questo, le persone dimenticano molto rapidamente i miei consigli quando entrano in una relazione chiusa e condizionale.
          Nei miei più di ventidue anni di condivisione, una delle cose che sabota il desiderio di libertà delle persone più di qualsiasi altra questione è l’attaccamento a una relazione.
         Quando questo accade si può vedere che in realtà la verità non è mai stata la prima priorità. In realtà la priorità era trovare un ragazzo o una ragazza e metterli sotto contratto, sapendo che poi si poteva essere felici per sempre perché si aveva qualcuno che ci amasse. In realtà, questo è solo cadere nella tradizionale e condizionata trappola della relazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *